Intervista

I Giubilei di MOMS IN PRAYER INTERNATIONAL in Ticino da 10 anni, da 20 in Svizzera e da 30 dalla nascita.

«Moms in Prayer» (Mamme in Preghiera) è presente da 10 anni in Ticino, da 20 in Svizzera e da 30 in America ma è ancora poco conosciuto nel nostro territorio. Per questa ragione, allo scopo di informare,  ho intervistato Susanna Z’Graggen che è la coordinatrice di questo movimento per la Svizzera italiana.

Zoom
Mamme in Preghiera
Signora Z’Graggen, che cos’è Moms in Prayer?
Susanna Z'Graggen: Prima il nostro movimento si chiamava “Mamme in Contatto” (MIC).  Mamme in Preghiera/Moms in Prayer (MIP) è una rete di preghiera internazionale cristiana che vuole incoraggiare le mamme ad incontrarsi regolarmente per pregare per i loro figli e le loro scuole.

Come è nata questa idea?
Da una mamma preoccupata per i suoi figli e la loro situazione scolastica, lei ha iniziato a pregare con un'altra mamma che condivideva le sue stesse preoccupazioni. Sentendosi incoraggiate hanno iniziato a pregare regolarmente e poi l’idea si è diffusa. Sul sito www.momsinprayer.ch si può leggere la testimonianza della fondatrice, Fern Nichols.

Chi può partecipare? Ci sono madri di tutte le confessioni cristiane che pregano in gruppi MIP svizzeri?
L'unica condizione per partecipare ad un gruppo di preghiera è di essere una madre che crede in Gesù Cristo e che pone tutta la sua fiducià in Lui, niente di più. Il nostro credo è pubblicato nei dettagli nel libretto che usiamo come guida. Ogni mamma che lo condivide può partecipare. Nei gruppi ci sono mamme che frequentano ogni tipo di chiese e comunità cristiane di  tutte le regioni linguistiche della Svizzera. Non ci occupiamo di quello che succede nelle comunità e chiese frequentate dalle madri.

Le madri che frequentano un gruppo sono registrate in uno schedario e devono pagare una tassa sociale?
Non c’è nessuna tassa sociale da pagare, Moms In Prayer vive di donazioni volontarie. Esiste uno schedario, ma contiene soltanto l'indirizzo della responsabile di ciascun gruppo e non fornirà informazioni senza il consenso della persona interessata. In seno a ciascun gruppo, la responsabile che ospita e guida gli incontri resta la sola a conoscere i nomi delle mamme che partecipano al suo gruppo. Anzi, esiste una clausola di confidenzialità che lega fra di loro le partecipanti di ciascun gruppo. Diamo molta importanza alla fiducia reciproca in seno al gruppo in modo che le madri si sentano libere di esprimersi.

Celebrate culti, date la Santa Cena e battezzate le persone?
Non siamo una chiesa, perciò non battezziamo le persone e non celebriamo culti. Ma come sorelle, figlie di Dio, prendiamo talvolta la Santa Cena  come Gesù ha ordinato al Suo popolo nella Bibbia.

Tutte le comunità cristiane hanno già degli incontri di preghiera e tutte le madri cristiane pregano ad ogni modo per i loro figli in caso di problemi. Non pensa che siete un movimento superfluo?
(Ride) La preghiera non è mai superflua. La mia esperienza è che non tutte le madri cristiane pregano. Anzi, spesso devono imparare a farlo e si sentono anche molto sole e isolate con i propri problemi. Comunque, rispetto agli incontri che si svolgono nelle comunità, la preghiera dei gruppi MIP è incentrata unicamente sulla scuola. Preghiamo per persone per le quali di solito nessun’altro prega regolarmente: insegnanti, personale scolastico e scolari.

I gruppi MIP sono complementari o concorrenziali alle attività delle comunità che esistono già sul territorio?
Sono complementari. Notiamo che  spesso si sviluppano delle solide amicizie tra le madri provenienti da comunità cristiane diverse. Le differenze dottrinali non vengono mai abbordate. Siamo unite in preghiera per i nostri figli e le loro scuole e questo ci basta. L'incontro MIP dura soltanto un'ora alla settimana. Ogni gruppo può mettersi d’accordo nel scegliere un luogo e un orario che conviene a tutte le mamme che ne fanno parte. Sono dei piccoli gruppi che si riuniscono con un unico scopo e si consiglia di non chiaccherare, in modo da aproffitare pienamente del tempo per pregare.

Il 9 novembre 2013 si sono festeggiati i 20 anni di MIP Svizzera. Dopo dieci anni dalla nascita c’erano già 1000 gruppi sul territorio svizzero, ora sono 1550. Quanti gruppi ci sono sul nostro territorio dopo 10 anni? bastano secondo lei?
Nel nostro cantone ci sono al momento 12 gruppi. La visione di MIP è avere un gruppo per ogni scuola. Ci sono molto più che 12 scuole in Ticino!

Zoom
Volete che ci sia un gruppo di preghiera di mamme per ogni scuola in Svizzera? Per quale motivo?
Sì, e non solo in Svizzera. La visione MIP è che ogni scuola nel mondo possa essere avvolta dalla preghiera. Come accennato prima, MIP è una rete internazionale. I nostri figli trascorrono tanto tempo a scuola, loro sono il futuro del mondo e dunque è molto importante che siano formati secondo i valori biblici e che la mano protettrice di Dio si stenda su di loro. Preghiamo affinché i nostri figli possano accettare Cristo come personale Salvatore ed essere saldi nella loro fede, preghiamo per gli insegnanti e il personale  scolastico affinché anche loro possano arrivare alla fede in Cristo. Preghiamo anche affinché le nostre scuole siano guidate da valori cristiani e alti principi morali. Insomma vogliamo essere di incoraggiamento e di sostegno per le nostre scuole e anche offrire speranza, empatia ed incoraggiamento alle mamme che portano dei grandi pesi per i loro figli.

Ci sono già stati benefici nelle scuole da ricondurre alle preghiere di un gruppo MIP?
Si, ce ne sono stati. Dio ascolta le preghiere che le madri gli rivolgono e onora la loro fede! Come si sa, quando due e tre si riuniscono nel Suo nome, il Signore è in mezzo a loro. La preghiera condivisa ha un potere esponenziale.

Moms In Prayer è retto da una disciplina precisa:  pregate di regola per un’ora alla settimana con un metodo tutto vostro che chiamate la preghiera in armonia. Ci può spiegare cosa significa?
Pregare in armonia significa che ci si concentra su un motivo di preghiera alla volta e non si cambia soggetto finché è stato completamente affrontato da tutto il gruppo e non solo dalla mamma coinvolta, con empatia.

Usate anche un metodo di preghiera articolato in 4 tappe di cui solo l’ultima è l’intercessione. È biblico non iniziare subito con le richieste?
Si, è biblico. Abbiamo molti esempi nell’Antico Testamento, dove la preghiera comincia sempre con l'adorazione. Nel Nuovo Testamento Gesù insegna ai discepoli «IL Padre nostro» che inizia, infatti, con «Padre Nostro che sei nei cieli, sia santificato il Tuo Nome». Nell’ Adorazione spesso vediamo la nostra situazione diversamente. La Parola ci fa aprire gli occhi su Dio e sulla nostra condizione. Cosa che ci conduce obligatoriamente al momento di confessione (il quale si svolge sempre in silenzio). Poi possiamo avvicinarci al padre con un cuore puro e sincero per ringraziarlo innanzittutto per quanto già abbiamo ottenuto. Soltanto allora potremo incominciare con i nostri bisogni. Questo ci insegna la Bibbia.

Lei pensa che il vostro metodo di pregare in quattro passi porterebbe giovamento alla preghiera in comunità cristiane?
Certamente. Ho fatto un’esperienza in un gruppo di preghiera con persone anziane, ho spiegato loro i quattro passi e dopo l’abbiamo messo in pratica. Gli anziani erano molto entusiasti, dicevano che così era molto più facile perché ci si concentra sempre su un argomento alla volta. L’inizio con l’adorazione e la lode ci porta a renderci conto della nostra indegnità e poi serve a ricordarci di essere grati per quanto abbiamo già ricevuto. Questa riconoscenza  per quanto abbiamo già ricevuto ci incoraggia a presentare altre richieste!

Questo metodo sembra proprio invitante. Se fosse invitata a presentare la preghiera MIP in una comunità ci andrebbe?
Si, io o un'altra collaboratrice MIP andremmo volentieri a presentare MIP e la preghiera in 4 passi.

Avete appena festeggiato con una grande festa i 20 anni di MIP Svizzera, con 1300 madri riunite tutte insieme al Parkarena di Winterthur. Una grande organizzazione significa anche molte spese. Chi vi ha sponsorizzate?
Niente sponsoring. Ma vorrei sottolineare che ci sono state diverse persone (fra cui molti uomini) alle quali il Signore ha messo a cuore di servire le mamme in modo concreto e benevolo nel preparare e gestire questo grande evento. Tutte le spese sono state poi coperte interamente dalla colletta facoltativa, anonima, che è stata fatta alla fine dell’evento.

È prevista una festa per festeggiare i dieci anni di MIP in Ticino? 
Sì, stiamo organizzando una festa per giovedi 22 maggio 2014.

Dove devono rivolgersi le mamme interessate  per sapere se esiste un gruppo Moms in Prayer nella loro regione?
Andando sul sito www.momsinprayer.ch si trovano tutte le indicazione  necessarie, pure un formulario di contatto. Ogni mamma è benvenuta!

Datum: 18.02.2014
Autor: Franca Henriette Coray

Eventi

8200 Schaffhausen
08.09.2018 / 18:30
8835 Feusisberg
15.09.2018 / 9:30
3012 Bern
15.11.2018 / 20:15

Pubblicità